02 mar 2016

La Pasqua pagana e la Pasqua ebraica

La Pasqua ha due precedenti: quella ebraica e quella pagana.

Sia gli ebrei che i pagani celebrano da millenni i temi della Morte e della Risurrezione in coincidenza del’Equinozio di primavera.

Quella ebraica celebra essenzialmente la liberazione degli Ebrei dall’Egitto grazie a Mosè.

La parola ebraica Pesach significa passare oltre, tralasciare, e deriva dal raccapricciante racconto biblico della Decima Piaga, in cui l’Angelo sterminatore, o angelo della Morte, vide il sangue dell’agnello del Pesach sulle porte delle case di Israele e “passò oltre”, uccidendo solo i primogeniti maschi degli egiziani, compreso il figlio primogenito del faraone.

La Pasqua con il Cristianesimo ha modificato il suo significato originario, venendo a connotare un passaggio, soprattutto il:


  • passaggio da morte a vita per Gesù Cristo;
  • passaggio a vita nuova per i cristiani (in particolare per quelli che, nella Veglia Pasquale, ricevono il battesimo).

Perciò, la Pasqua cristiana è detta Pasqua di risurrezione, mentre quella ebraica è Pasqua di liberazione (dalla schiavitù d’Egitto). La Pasqua ebraica è dunque una festa molto piu’ nazionalista.

 La Pasqua pagana

La maggior parte delle religioni pagane mediterranee e mediorientali hanno festeggiato l’equinozio primaverile.

Il nome inglese della Pasqua, “Easter“, deriva dal nome dell’antica dea del sole. Cio’ lo asserisce uno studioso cristiano, Bede (672-735), nel libro De Ratione Temporum. Bede sostiene che Eostre (o Eastre) era la Grande Dea Madre dei popoli sassoni dell’Europa settentrionale. Allo stesso modo, la dea teutonica della fertilita’ era nota con I nomi di: Ostare, Ostara, Ostern, Eostra, Eostre, Eostur, Eastra, Eastur, Austron and Ausos.

Il nome di questa dea a sua volta derivava dall’antino nome della primavera: “eastre.”

Divinità simili erano note nelle antiche culture mediterranee e celebrate nel giorno dell’equinozio di primavera. Alcune di esse erano:

·Aphrodite a Cipro

·Ashtoreth in Israele

·Astarté in Grecia

·Demeter a Micene

·Hathor in Egitto

·Ishtar in Assiria

·Kali in India

·Ostara, dea nordica della fertilità.

Quando si celebra la Pasqua?

Com’è noto, infatti, la data di Pasqua non è uguale ogni anno, ma si sposta sul calendario di anno in anno.
La Pasqua, per la maggioranza delle Chiese cristiane, cade nella domenica successiva al primo plenilunio successivo all’Equinozio di Primavera (il 21 marzo). Questo sistema venne fissato definitivamente nel IV secolo. Nei secoli precedenti potevano esistere diversi usi locali sulla data da seguire, tutti comunque legati al calcolo della Pasqua ebraica.

La pasqua cristiana fu celebrata la prima volta nell’anno 160.
http://www.asiablog.it/

07 feb 2016

Carnevale 2016 a Rio di Janeiro

La scuola Pèrola Negra ha aperto lo show di San Paolo e ha dato inizio al Carnevale. I carri allegorici sono ispirati al Brasile tradizionale, con costumi e colori che richiamano la foresta tropicale e le etnie indigene. Uno spettacolo di luci e bellezza che avvolge anche le strade, dove a dominare è il Carnaval de rua (Carnevale di strada) con migliaia di persone che sfilano danzando per la città

imageimageimageimageimageimage

28 gen 2016

Carnevale 2016 in Toscana

imageCarnevale 2016 non solo a Viareggio, ma anche a Firenze dove potremo assistere ad esempio, al , la festa in maschera organizzata al Viper Theatre per il prossimo 30 gennaio. A San Mauro a Signa sarà un anno speciale in quanto il Carnevale di San Mauro festeggia i suoi primi 50 anni, con la sfilata dei carri. 

Anche al Mugello, e per l'esattezza a Borgo San Lorenzo, sfilate allegoriche fino al prossimo 7 febbraio, mentre l'ultima domenica del mese di gennaio (il 31) prende il via il Carnevale di Montespertoli.

Festeggiamenti anche a Figline Valdarno con le sfilate dei carri domenica 31 gennaio, 7 febbraio e martedì 9 febbraio, mentre a Sesto Fiorentino si comincerà sabato 30 e domenica 31 gennaio con il corso mascherato e la sfilata tradizionale dei carri.

Eventi Carnevale 2016 a Prato, Lucca e Pisa: il calendario

Appuntamento da non mancare anche quello di Prato: a Montemurlo, alle ore 15 di domenica 31 gennaio, grande festa con la sfilata, mentre gli altri eventi da annotare sul calendario sono quelli di Oste (domenica 7 febbraio) e Seano (31 gennaio e 7 febbraio).Per quanto riguarda la provincia di Lucca, non mancate al Carneval Marlia a Capannori (fino al 14 febbraio) mentre nella zona di Pisa, segnaliamo le feste che si terranno a Santa Croce sul'Arno (sempre fino a San Valentino), a Bientina (fino al giorno 9) e a Vicopisano (il Carnevale dei Ragazzi fino al 9 febbraio). Se potete, non perdetevi neppure il Carnevale Bientinese con una grande festa nella piazza centrale e il Carnevale sanromanese che offrirà un ambiente in stile 'Far West' fino a domenica 14 febbraio. http://it.blastingnews.com/

25 gen 2016

Carnevale di Viareggio 2016

imageAdrKronos - Il presidente del Consiglio Matteo Renzi nei panni di un'alchimista, che incanta gli italiani con le sue magie. Matteo Salvini, leader della Lega, raffigurato come un settecentesco pseudo nobile, che tiene in mano Marine Le Pen. La ripresa economica a suon di selfie con i ministri Maria Elena Boschi, Stefania Giannini e Angelino Alfano, il premier Renzi ed anche la presidente della Camera Laura Boldrini e la vice segretaria del Pd Debora Serracchiani.

Ancora una volta al Carnevale di Viareggio la satira politicasarà protagonista dei grandi carri in cartapesta che sfileranno per lungo i viali a mare.

Ma i carri allegorici presenteranno anche temi meno consueti, di più stringente attualità, come ad esempio la tragedia dei migranti (Male nostrum), i social newtwork con il creatore di Facebook Marc Zuckerberg nei panni di un "dio", il dramma degli incidenti sul lavoro, la xenofobia, i "nuovi barbari", fino all'esclusivo circolo Bilderberg, considerato 'covo' di molti complotti ("Il potere è stato eccezionalmente abile in molto aspetti e uno di questi è stato il suo mascheramento").

Viareggio, la capitale del Carnevale, festeggia i 143 anni della sua manifestazione e lo fa in grande stile con cinque straordinari corsi mascherati. Per un intero mese dal 7 febbraio al 5 marzo la città della Versilia si trasforma nella fabbrica del divertimento, tra sfilate di giganti di cartapesta, feste notturne, spettacoli pirotecnici, veglioni, rassegne teatrali, appuntamenti gastronomici e grandi eventi sportivi mondiali.

Ad ogni sfilata dei carri allegorici assistono circa 200mila spettatori ammaliati dal gigantismo delle costruzioni, che hanno reso famosi nel mondo i maestri costruttori viareggini, sempre alla ricerca delle migliori soluzioni tecniche e artistiche per stupire il grande pubblico. Il triplice colpo di cannone è il segnale inequivocabile che a Viareggio inizia la festa. Sparato dal mare dà, ogni volta, il via alla sfilata dei carri.

Come per magia i giganteschi mascheroni prendono vita tra movimenti, musica e balli. Uno spettacolo sempre nuovo, entusiasmante ed affascinante, ma allo stesso tempo una tradizione artistica e culturale che Viareggio custodisce gelosamente da 143 anni.

Cinque i grandi corsi mascherati (7, 14, 21, 28 febbraio e 5 marzo), concentrati in un mese unico di grandi festeggiamenti e la sera sono i rioni cittadini ad accendersi a festa con i grandi baccanali notturni. Il manifesto ufficiale del Carnevale di Viareggio 2016 porta la firma di Anna Bulycheva, artista, illustratrice e graphic designer russa iscritta al corso in Graphic Design dell'Istituto Europeo di Design di Firenze.

E' questo il risultato del contest interno organizzato dall'Istituto Europeo di Design di Firenze insieme alla Fondazione Carnevale di Viareggio con l'obiettivo di realizzare l'immagine della prossima edizione. Una tradizione, quella del manifesto ufficiale, iniziata nel 1926 e che negli anni ha visto le firme di grandi talenti come Lucio Venna, Virginio Bianchi, Uberto Bonetti, Franco Signorini, Arnaldo Pomodoro, Sandro Luporini, Serafino Beconi, Jean Michel Folon, Lorenzo Mattotti, Sergio Staino, Franco Anichini, Giorgio Michetti, Chiara Rapaccini, Arnaldo Galli, Roberto Paglianti e Beppe Bertuccelli, solo per citarne alcuni.

"Volevo creare un manifesto moderno e colorato, ma al tempo stesso riassumere i più di cento anni di storia di questo evento meraviglioso", spiega Anna Bulycheva, laureata in architettura a Mosca con un curriculum che comprende lavori per importanti brand internazionali quali Nokia, Christian Dior Jewelry e Paco Rabanne, oltre a due mostre personali tra Mosca e Parigi.

"Per la scelta dei colori - prosegue - mi sono basata sul logo del Carnevale, il Burlamacco. Il rosso, il nero e il bianco creano un contrasto molto forte. Tutte le forme riconducono al triangolo, come il disegno del costume di Arlecchino. Mi sono ispirata ai lavori di Fortunato Depero e Picasso per creare un'immagine geometrica e due personaggi statici che ricordassero degli attori in piedi su un palco. L'insieme di forme, colori e personaggi crea un immagine potente, perfetta ai fini della comunicazione".

CARNEVALE DI VIAREGGIO 2016

Grandi Corsi Mascherati

I giganteschi carri allegorici in cartapesta sfilano sui Viali a Mare

Domenica 7 febbraio – ore 15

In apertura Cerimonia di alzabandiera

1° CORSO MASCHERATO di APERTURA

Al termine della sfilata

Grande Spettacolo pirotecnico di Inaugurazione – ditta Mazzone di Orbetello

Domenica 14 febbraio – ore 15

2° CORSO MASCHERATO degli INNAMORATI

Al termine della sfilata

Grande Spettacolo pirotecnico – ditta Mazzone di Orbetello

Domenica 21 febbraio – ore 15

3° CORSO MASCHERATO della PRIMAVERA IN MARE

Domenica 28 febbraio – ore 15

4° CORSO MASCHERATO di GALA

Sabato 5 marzo – ore 18,30

5° CORSO MASCHERATO NOTTURNO di CHIUSURA

Al termine lettura dei verdetti delle giurie

Grande Spettacolo pirotecnico di Chiusura – ditta Mazzone di Orbetello

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...