07 feb 2009

Carnevale di Ronciglione


La manifestazione più tipica di Ronciglione è il Carnevale,

tra i più antichi dell'Italia centrale. Si caratterizza per le sfilate di gruppi mascherati, carri allegorici, corse a vuoto con cavalli senza fantino che attraversano impetuosamente le vie cittadine verso il traguardo, cavalcate degli Ussari, trampolieri e bande musicali.
La maschera tipica del Carnevale, creata dalla fantasia di alcuni ronciglionesi nei primi del'900, è il Naso Rosso che, vestito con un camicione bianco, rincorre lo spettatore tra le vie per offrire
rigatoni al sugo in piatti a forma di vaso da notte.
Il Carnevale di Ronciglione si distingue per l'allegria spensierata, per la cura nella realizzazione dei costumi e dei carri, ma soprattutto per la partecipazione e per il coinvolgimento di tutta la popolazione ronciglionese di ogni età.


Ogni anno fa sempre una brutta fine:
- chi lo brucia in piazza,
- chi lo getta in un burrone,
- chi lo condanna a morte dopo uno strano processo pubblico,
- chi lo affoga in mare,
- chi lo viviseziona attraverso un divertente intervento chirurgico,
- chi lo sotterra,
- chi lo caccia dal paese,
- chi, infine, lo abbandona in aria con una mongolfiera.

Il personaggio sottoposto a questa lunga serie di torture e vessazioni non è un feroce criminale, ne la vittima sacrificale di una setta segreta, tanto meno è un terrificante mostro, ma è soltanto: "Sua Maestà" il Carnevale".
Carnevale è il massimo appuntamento organizzato nel periodo invernale.
Bande Musicali, Ussari, Maschere, Corse di Cavalli a Vuoto, Mascherine, Nasi Rossi, Carri allegorici, Trampoli, Majorettes, C.E.S.S.I. Tripparoli, Saracari, La Bandaccia, I Santorso, La Compagnia della Penitenza, si susseguono come d'incanto nei giorni del Carnevale fino al mercoledì delle Ceneri.
E' ancora oggi la manifestazione culturale più importante di Ronciglione.
Affonda le sue radici in una forte tradizione popolare.
Il suo modello formale è il Carnevale Romano Rinascimentale Barocco.
Il suono del "Campanone" che annuncia la festa, la consegna delle chiavi del Paese al Re Carnevale, le Corse dei Barberi, il Saltarello, i Carri Allegorici, il rituale della Morte del Carnevale con la "Moccolata" finale sono tutti elementi che ritroviamo gia nelle feste rinascimentali e che, simili, anche a Goethe descriverà nel suo "Viaggio in Italia".
Il Carnevale ha origini lontanissime, addirittura si possono far risalire all'antico Egitto, all'epoca romana (famosi erano i Baccanali, i Lupercali, e i Saturnali che continuarono fino al IV secolo dell'era Cristiana).
http://www.prolocoronciglione.it/index.asp

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...