23 dic 2013

Decalogo per feste perfette

2Se dici Natale dici feste e brindisi sotto l'albero con amici e parenti, ma a volte a non funzionare sono proprio i party casalinghi, durante i quali è facile incorrere in alcune gaffes e dimenticanze. Tra corse dell'ultimo minuto, indecisione su come imbandire la propria tavola e perplessità su cosa preparare per soddisfare i gusti dei commensali, si rischia di rovinare l'atmosfera natalizia e tramutare il momento di festa in un vero e proprio incubo. Gli errori più comuni? Sbagliare il regalo per la suocera (26%), apparecchiare con una tovaglia dal colore stonato (29%), oppure esagerare con gli antipasti (21%). Nell'era del digitale a dare una mano a non 'fare brutta figura' è il web e la tecnologia, grazie ad app con cui scoprire tutti i segreti per un party natalizio perfetto. E per realizzare feste e party natalizi senza la minima sbavatura, ecco dagli esperti le 8 regole d'oro per sopravvivere ai preparativi del Natale. E' quanto emerge da uno studio promosso da Bibite San pellegrino, in occasione del lancio di Follow The Star, e condotto su 150 tra addetti ai lavori, blogger, esperti di design e personal shopper, per analizzare quali sono gli errori più comuni commessi dagli italiani nel corso del periodo natalizio e suggerire alcuni utili e semplici consigli. Cosa porta la gente a commettere errori nel corso dei preparativi natalizi? Secondo la maggioranza degli esperti (34%) è il poco tempo libero a disposizione dovuto ai ritmi di vita frenetici che non permette di pensare e riflettere sulle giuste scelte. Per altri il problema principale è il "ridursi all'ultimo minuto" (25%) e la mancanza di informazioni (21%) sia sulle mode e le tendenze del momento, sia sui gusti di amici e parenti. Cosa fare, quindi? Per organizzare al meglio le feste natalizie secondo gli esperti bisogna "pianificare" (53%), tenersi sempre "informati" sulle ultime novità (39%) e scegliere bene "cosa" e "quando" acquistare (31%). La corsa ai regali di Natale è uno dei momenti più attesi e allo stesso tempo più impegnativi dell'anno. Quali sono le gaffes più comuni? Non soddisfare i gusti e le aspettative del destinatario del regalo (26%), comprare modelli dell'anno passato (21%), scegliere qualcosa che l'altra persona già possiede (16%). Cosa consigliano gli esperti per non commettere i classici "errori sotto l'albero"? In primis cercare di conoscere le passioni ed i gusti del destinatario del regalo (28%). Altri suggeriscono di scegliere qualcosa di inedito ed innovativo (24%) e che non sia legato al lavoro (18%). Per i più insicuri ed incerti, quasi un esperto su 3 (31%) raccomanda di rivolgersi a qualcuno in grado di guidarli e consigliarli. "La scelta dei regali mette in difficoltà parecchi di noi soprattutto perche' è facile cadere nell'errore e fare gaffe indimenticabili! - affermano i design hunter Alberto e Tiziano di Lovli.it, la startup tutta italiana per acquistare online oggetti e curiosità del made in Italy - Una cosa è certa: tutti abbiamo il terrore di vedere quella tipica espressione di circostanza che si stampa sulla faccia di chi riceve il regalo sbagliato! Per questo il nostro consiglio è: indagate il più possibile sui gusti e le abitudini della persona in questione e ricordatevi che il regalo non deve piacere a voi ma a chi lo riceve". Dopo la corsa ai regali, uno dei momenti clou del Natale è la preparazione della casa, in particolare l'allestimento del salone e della sala da pranzo, luoghi deputati al ricevimento di amici e parenti. Anche in questo caso, gli esperti sottolineano gli errori più comuni in cui incappano gli italiani: al primo posto, esagerare con festoni ed addobbi natalizi (29%), usare colori e temi diversi per ogni camera (21%), sbagliare la scelta delle luci (16%) e i colori della tavola (14%). I consigli giusti da seguire? Creare un filo logico tra i vari ambienti (34%) e tener conto dei colori tradizionali del Natale, su tutti il rosso ed il bianco (28%).
  Ancor prima di pranzi e cenoni natalizi, la preparazione di aperitivi organizzati tra amici e parenti possono diventare un vero e proprio tormento. Tra le gaffes piu' comuni, quella di preparare assaggini in largo anticipo rispetto a quando vengono consumati (32%), utilizzare ingredienti troppo elaborati (27%), essere poco originali (25%) e, presi dalla voglia di fare bella figura con gli ospiti, servire un numero eccessivo di pietanze (21%). "Sono 3 gli errori piu' comuni che solitamente si commettono quando si prepara un aperitivo - afferma Sebastiano Rovida, chef di Finger Food factory - Il primo e' sottovalutare la qualita' del cibo: si tende a non valorizzare le portate offerte durante l'aperitivo non solo dal punto di vista qualitativo ma anche visivo. Occorre inoltre preparare cibi leggermente saporiti ma non eccessivamente conditi ! Non bisogna appesantire l'ospite ma il senso e' aprirgli lo stomaco e invogliarlo a proseguire nella cena. Infine mai prepararli con largo anticipo: i cibi si deteriorano e tendono a rovinare la portata". Ecco, quindi, che gli esperti consigliano di servire come aperitivo o semplice spuntino "finger food" (27%), pietanze creative e originali semplici da realizzare (23%), sia nel gusto che esteticamente, ma soprattutto offrire cibi freschi, di qualita' (33%) e presentarli molto bene. (AGI) .

Nessun commento:

LinkWithin

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...